Home Uncategorized Fare l’imprenditore oggi – Gestione del denaro

Fare l’imprenditore oggi – Gestione del denaro

74
0

Finanza e imprenditoria: 5 punti che le accomuna

In questo articolo ti svelerò 5 ragioni che accomunano la finanza personale e l’imprenditoria. Sembrano mondi lontano ma in verità non lo sono. Si perchè essere imprenditori oggi, significa anche possedere quella formazione verso il denaro che permetterà di fare impresa nella maniera adeguata e raggiungere gli obiettivi prefissati. Ok Vediamoli assieme questi punti.

  1. Il giusto mindset
  2. Il rispetto verso il denaro
  3. Obiettivi chiari e precisi
  4. Bilancio familiare come il bilancio aziendale
  5. Debiti? No grazie!

1. Il giusto mindset

Quando si parla di finanza personale, tra le prime cose che si apprendono sul denaro, è proprio quella di possedere la mentalità idonea per gestirlo e per incrementare il proprio capitale. Credere di fare soldi, pensando ad essi come a qualcosa che ripugna o che infastidisce, porterà inesorabilmente verso un risultato negativo. Alla medesima maniera, l’imprenditore che possiede mentalità da dipendente o non possiede una vision chiara di quello che intende raggiungere, potrebbe essere destinato a risultati non proprio positivi.

Quindi, come fare a cambiare mentalità? In entrambi i casi, è necessario fare un lavoro su se stessi che comporti la sostituzione della vecchia mentalità in una nuova. In modo tale che questa ti permetta da sviluppare il tuo potenziale. Il mio suggerimento è questo:

  • Frequenta imprenditori che hanno raggiunto dei risultati positivi con la loro azienda, sia da un punto di vista lavorativo che di utili netti.
  • Apprendi la gestione del denaro. Partendo dalla regola n.1: risparmiare come le persone ricche. Ovvero, pagando prima di tutto te stesso e poi, solo poi, pensare alle spese da effettuare.
  • Esamina tutte le tue spese mensili. Andando ad eliminare uscite inutile e sperpero di denaro in acquisti impulsivi.
  • Leggi libri di finanza personale. Le persone di successo, dedicano almeno mezz’ora al giorno alla lettura.
  • Impara ad investire. La prerogativa essenziale per la finanza personale così come nell’attività aziendale.

2. Il rispetto verso il denaro

Come qualsiasi altro individuo che vuole raggiungere precisi obiettivi finanziari, anche l’imprenditore deve pensare al denaro come ad un mezzo per ottenere quello che desidera e non come un fine. Ma cosa più importante, è quella di portare rispetto al denaro. Lo so, ti potrebbe sembrare un’ idea assurda quella di cui ti sto parlando. Ma rifletti su questo. Siamo fatti di energia e che tu lo voglia o meno attiriamo nella nostra vita esperienze, eventi e persone in linea con quello a cui prestiamo attenzione.

Se le tue idee sul denaro sono di disprezzo o odi le persone ricche, come pensi che riuscirai a gestire i tuoi soldi nella maniera più opportuna se ne hai un sentimento negativo? Con una mentalità del genere, l’unica cosa che produrrai saranno una serie di eventi che ti lasceranno senza un becco di un quattrino.

Renditi consapevole che pensieri di invidia o poco costruttivi verso le altre persone, specie quelle che possiedono più soldi, case più grandi della tua, aziende con un utile netto maggiore del tuo, non produrranno alcun aspetto positivo alla gestione delle tue finanze personali nè alla tua attività d’impresa.

3. Obiettivi chiari e precisi

Una delle prime cose che si apprendono nella finanza personale è quella di definire i propri obiettivi finanziari. Se sei un imprenditore non ti potrai esimere anche tu da questo. Significa che dovrai pensare a quello che intendi raggiungere e ad esso, applicare alcune caratteristiche valevoli per tutti gli obiettivi. Questi infatti, per essere tali e non desideri, devono possedere almeno queste tre peculiarità:

  • Definiti
  • Misurabili
  • Raggiungibili in un determinato lasso di tempo

Prendi carta e penna e per ogni obiettivo che vuoi raggiungere, mettilo per iscritto. Definiscilo bene, usando il tempo presente e cercando di essere il più preciso possibile. Dai una misura, una quantità monetaria se per esempio desideri raggiungere una determinata cifra in denaro. Questa inoltre deve essere realistica, ovvero raggiungibile in un determinato periodo di tempo.

4. Bilancio familiare come il bilancio aziendale

In questo quarto punto devi iniziare a pensare che la tua gestione dei soldi possiede la medesima importanza della tua azienda. Se intendi essere un imprenditore a tutto tondo, quello che fai per te stesso per quanto riguarda il tuo denaro, devi metterlo in pratica per quanto riguarda la tua azienda.

Prendi l’abitudine, alla fine di ogni mese, di effettuare una previsione delle spese che andrai a sostenere per il mese successivo. Quella per l’acquisto degli alimenti, le tasse, l’abbigliamento tuo, di tua moglie e dei tuoi figli, il carburante ect. Insomma, per ogni categoria di spesa, dovrai prevederne una di previsione. Alla fine del mese, andrai a verificare nella realtà, quanto sarai stato nei limiti di spesa imposti. Oppure, di quanto avrai sforato. Il bilancio familiare come quello aziendale, è molto utile per tenere sotto controllo le spese. Perchè questo determinerà in modo importante la tua ricchezza. Ti sarà utilissimo usare un blocco appunti o meglio ancora un’agenda finanziaria. Sul punto ti suggerisco lo splendido Soldiario. Uno strumento potentissimo e utilissimo per raggiungere il tuo obiettivo. Puoi trovarlo a questo link: https://www.soldiario.it/ o acquistarlo su amazon.

In questa agenda o in blocco a tuo piacimento andrai a trascrivere le tue previsione di spesa. Con la massima attenzione di cui sei capace, appunterai di volta in volta le spese realmente effettuate. Il bilancio familiare assomiglia un po’ ad un bilancio aziendale, seppur molto più semplice. Ma il proposito da tenere a mente, è proprio questo: fare attenzione alle uscite. Trarrai beneficio da questi suggerimenti anche nei confronti delle entrate ed uscite della tua azienda. Riuscendo a capire ed a gestire al meglio le attività ma soprattutto le passività.

Questo ti renderà consapevole delle tue spese e porrai sempre molto attenzione ai soldi che vengono spesi.

4. Debiti? No, grazie!

L’ultimo punto, insieme a possedere la giusta mentalità, è non avere debiti. Nessuna azienda è priva di debiti. Ma le aziende sane e solide, sono quelle che di debiti ne hanno pochi. Oppure, che sono in grado di liberarsene facilmente tramite l’elevata liquidità presente in cassa (il cashflow).

Il mio invito è di evitare di indebitarti il più possibile. Un bravo imprenditore infatti, è colui il quale sulla sua persona non permette che gravi alcun tipo di debito. E’ consapevole che questo può impattare sulle proprie finanze personali in maniera anche importante. Con la conseguenza nefasta ed inevitabile di impoverirsi sempre di più.

Quindi, stop a questa pratica. Inizia dall’eliminare i piccoli debiti usando la liquidità che possiedi. Frena l’utilizzo delle carte di credito e preferisci sempre il contante oppure le carte di debito che non possiedono spese di utilizzo/gestione e prelievo.

Buona pratica è redigere un piano di ammortamento per cercare di razionalizzare i debiti e liberarsene quanto prima.

Conclusioni

Sia nella finanza che nell’imprenditoria quindi è necessario diventare la persona adatta per raggiungere gli obiettivi prefissati. Iniziando con l’imparare le regole del denaro per trasferire poi il giusto approccio alla propria azienda. L’imprenditore deve essere bravo prima di tutto nella gestione delle proprie finanze personali, deve saper risparmiare, avere la mentalità da persona ricca, avere obiettivi ben precisi e non contrarre debiti personali. In modo tale che la propria azienda sia lo specchio della propria personalità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui